Seleziona una pagina

BIRRIFICIO

Nella campagna di Solarolo,

a pochi chilometri da Faenza, immerso nel verde e nella quiete del territorio romagnolo, seguo direttamente tutto il processo di produzione della birra nella mia azienda agricola. Mi occupo di selezione e di coltivazione delle materie prime, di lavorazione delle stesse e naturalmente del processo di trasformazione. La birra che produco è frutto di una filiera che parte e si conclude nell’azienda stessa.

LA MATA

Sono le iniziali del mio nome e cognome

ed è il suffisso che ho sempre dato alle mie ricette da quando faccio birra. In realtà i significati e le chiavi di lettura di questo nome sono davvero tante. In ogni modo La Mata!

La Mata in dialetto Romagnolo significa “la matta”, con cui si identifica la carta alla quale si può assegnare il valore che si vuole; nel gioco del sette e mezzo, ad esempio, la matta è il due di bastoni, che viene ripreso nel logo del birrificio.

La Mata in spagnolo significa “pianta”, e viene usata per indicare le piante dell’orto, tutte quelle piccole piante che producono dei frutti e quindi cibo.

Pronunciando La Mata in realtà non ci rendiamo conto di come è scritto, potrebbe essere l’amata. L’Amata birra, per indicare la passione e l’amore che mi spingono a portare avanti questo progetto impegnativo.

AGRICOLTURA

L’azienda agricola lavora in pieno rispetto della natura.

Tutti i nostri prodotti sono ottenuti da Agricoltura Integrata con tecniche di produzione compatibili con la conservazione dell’ambiente e la sicurezza alimentare. Siamo molto attenti alla riduzione dell’uso di fitofarmaci e controlliamo l’intero processo produttivo. Il risultato è una frutta buona, integrata e sostenibile, con zero residui di fitofarmaci.

Anche nella produzione della birra non vengono utilizzati prodotti chimici o sintetici per la chiarificazione o per l’agevolazione delle fermentazioni, viene seguito totalmente il processo naturale di produzione: esclusivamente acqua, orzo maltato, luppolo e lieviti.
Come una volta.

“Come il vino, la birra è un prodotto naturale, legato alla terra.”

M. Jackson

LAVORAZIONE

La fase iniziale della produzione

avviene attraverso la coltivazione dell’orzo che dopo la trebbiatura viene inviato al maltificio per effettuare le fasi di germinazione, essiccazione, tostatura e trasformarsi in malto d’orzo. Parte del luppolo, oggi ingrediente fondamentale per stabilire l’amaro e l’aroma della birra e per garantire una funzione antisettica, viene coltivato ed essiccato in azienda.

Dalla lavorazione di questi ingredienti e dall’unione del mosto ottenuto con i lieviti, appositamente scelti per garantire il processo di fermentazione ottimale per ogni tipo di birra prodotta, nasce la birra del Birrificio la Mata che è per questo a tutti gli effetti un prodotto agricolo.

L’energia utilizzata è prodotta in loco attraverso un impianto fotovoltaico situato sul tetto del birrificio. Velature del prodotto e formazioni di sedimenti sono garanzia della genuinità di questa birra che non viene filtrata né pastorizzata, non contiene additivi né coloranti, né conservanti.